La Tube, ultimo baluardo di Britishness

“Caciara” contro Silenzio. Bastano due parole, per sintetizzare la distanza culturale, più ampia di quella geografica, tra Londra e Milano, in metropolitana. La Tube della capitale britannica è spesso inospitale: stretta, affollata, claustrofobia e sporca. Ma ha un gran pregio: i cellulari non prendono. Regnano la quiete e le sane e tradizionali chiacchierate tra viaggiatori. A Milano i telefonini hanno invaso, nuovi barbari, i vagoni della metropolitana. Che poi, “caciara” è un parola romana che a Milano non esiste, il che rende bene l’idea della diversità “culturale”...

Continue reading

La metro tra Suq (Milano) e Sardine (Londra)

Se la metro è la cartolina di una città, allora se ne deve dedurre che Londra sia un posto ordinato e civile. E Milano, invece, il Terzo Mondo.  Sotto la Madunina, la scena che si presenta scendendo i gradini della scalinata della fermata Porta Genova della Linea 3. Un Suq in piena regola: tutto l’ingresso è occupato da bancarelle di abusivi, ambulanti che vendono cianfrusaglie o roba contraffatta. Per chi vive a Milano è una scena abituale. E quasi non ci fa caso: c’è chi li ama (fanno colore e vendono cose utili a poco); c’è chi li odia (per i motivi opposti: non fanno colore,...

Continue reading

Londra mangia vegano, Milano è ferma al sushi

Il campione della Formula Uno Lewis Hamilton ha appena aperto un ristorante a Londra, a Mayfair: si chiama Neat Burger e serve solo panini vegani. Il pilota della Mercedes ha smesso di mangiare carne due anni fa ed è diventato vegetariano. Il fenomeno dei ristoranti vegani è in pieno boom: a Londra ci sono già almeno tre catene che servono l’hamburger di carne senza carne: il nuovo Neat Burger, Byron e Halo Burger. La loro carne macinata viene da Beyond Meat: è un’azienda statunitense quotata al Nasdaq che ha creato la prima polpetta di carne non-carne: stesso aspetto, stessa consistenza,...

Continue reading

Ferragosto: Milano chiusa per ferie, Londra aperta per fare soldi

Le estati agli antipodi di due città: Milano si svuota e chiude; Londra si riempie e marcia a pieno ritmo. Il cumenda lumbard e le migliaia di meridionali che vivono sotto la Madunina ad agosto se ne scappano via: la cappa umida e afosa, un cocktail invivibile di smog, zanzare e caldo che fanno assomigliare la capitale economica d’Italia a Calcutta più che a quelle metropoli nordeuropee che aspira a imitare, è insopportabile e bisogna scappare. Chi nella vicina, e antipatica, Liguria, dove magari si sono fatti la casa negli anni ’60; chi sceglie mete esotiche (perché al milanese,...

Continue reading

I “Portoghesi” a Londra non vanno in autobus (ma a Milano, sì)

Prendere l’autobus a Londra apre un mondo. Già c’è il fascino dei due piani, cosa a cui a Milano, nessuno è abituato. I “Double Deck”, letteralmente doppio ponte, esistono solo a Londra. Non si trovano da nessun’altra parte del mondo. E con il caratteristico colore rosso, sono il simbolo della città. Ma questo è folklore, aspetto di colore locale. La vera sostanza è un’altra: prendere un bus a Londra è una lezione di educazione civica che vale più di mille materie scolastiche. I mezzi pubblici funzionano bene perchè tutti li pagano. E siccome tutti li pagano,...

Continue reading

In Inghilterra non esistono gli Inglesismi

Una corsa in metropolitana a Milano è uno spaccato realistico del paese reale. L’italiano, inteso come lingua italiana, è scomparso. Sui cartelloni pubblicitari, ogni 3 parole 2 sono ormai in inglese. Sembra di essere nella Tube di Londra, perché ci vuole un dizionario Inglese-Italiano a porta di mano, o il traduttore vocale di Google. Ecco una pubblicità a caso, presa tra le tante che sono affisse dalla ATM nei vagoni e nei tunnel della città meneghina. Un gruppo immobiliare che vende appartamenti. Ma, badate bene, sono case “Green” e “Smart”. Record: in una frase...

Continue reading

Fish ‘n’ Chips, i Gastrofighetti e la morte del Risotto alla Milanese

Per secoli la cena dei contadini inglesi e degli abitanti di Londra è stata un piatto di stufato. La gente comune si sfamava con le poche cose che una terra troppo piovosa e non abbastanza soleggiata poteva offrire: verdure e carne (ma la carne di rado, era roba da nobili): il vantaggio di un clima piovoso sono prati verdissimi e ortaggi sempre ben innaffiati. I Nobili aveno cuche cn cc e che parano lor d amagire:  tanta selvaggina e le portion non rano da fme, come i resocontdi cne luccliane dei reali dei secoli passati testimoniano. gggggg NOn c’è da sytiursi che non est aunaucina britanica:...

Continue reading

Piccadilly Duomo

2019  - Grabovio